Benessere del nasino

Come prevenire il mal di gola nei bambini?

Il mal di gola è una delle problematiche più diffuse nei mesi invernali, soprattutto nei bambini. Scopri con questa guida come prevenire questo sintomo.

DEDICATO A:
  • Bambini
  • Detersione
Share:
17 Ottobre 2019 • 8 minuti di lettura

Quando il mal di gola colpisce il tuo bambino devi armarti di pazienza, mettere in frigo qualche bottiglia di acqua (o della sua bevanda preferita) e comprare una confezione di gelati o ghiaccioli.

Piccoli aiuti tattici per aiutarlo con la gola che brucia per i prossimi 4 o 5 giorni!

Il mal di gola nei bambini, infatti, è una delle problematiche più diffuse nei mesi invernali e non solo.

Spesso, lo si può incontrare tra i sintomi associati a influenza e raffreddore ma anche in seguito all’esposizione a irritanti come il fumo, a un ambiente privo di umidità o all’aria troppo fredda.

Il mal di gola ha diverse “facce” ma fortunatamente si risolve da solo nel giro di pochi giorni e non ha bisogno di trattamenti particolari.

Non a caso viene annoverato tra le problematiche delle prime vie respiratorie che “fungono da palestra” per rafforzare il sistema immunitario dei più piccoli e renderli adulti sani e forti.

Sarà pure vero, ma da mamma speri sempre di evitare a tuo figlio quel mal di gola in più, quando possibile.

Ti farà, quindi, piacere conoscere alcuni consigli utili per prevenirlo: abitudini di vita sane che aiutano a evitarlo per quanto possibile.

Le varie facce del mal di gola

Con il termine mal di gola ci si riferisce generalmente a un’infiammazione della faringe, la struttura intermedia della gola, ovvero il punto di incontro tra naso, esofago, laringe e orecchio medio.

Il mal di gola viene, quindi, definito faringite, a indicare un’infiammazione della faringe caratterizzata dai seguenti sintomi:
Inoltre, con mal di gola si intendono anche le infiammazioni che sconfinano dal tratto della faringe e coinvolgono tonsille, laringe e trachea.

  • Arrossamento della mucosa;
  • Bruciore di varia intensità, da un leggero pizzicore iniziale si può arrivare ad un dolore intenso;
  • Sensazione di corpo estraneo in gola con difficoltà a deglutire;
  • Rigonfiamento dei linfonodi e delle tonsille;
  • Dolore che si irradia all’orecchio;
  • Stanchezza generale;
  • Febbre;
  • Mal di testa.

In tal caso, il Pediatra parlerà rispettivamente di tonsillite, laringite o tracheite.

Tonsillite

Con tonsillite si intende l’Infiammazione delle tonsille che si gonfiano. Rigonfiamento che, a volte, può anche limitare il respiro.

I sintomi sono simili a quelli della faringite.

La tonsillite, però, è caratterizzata dalla presenza di placche che ricoprono le tonsille e quasi sempre da febbre, anche molto alta, soprattutto nei bambini.

Laringite

La laringite coinvolge il tratto della gola adibito alla fonazione, dove si trovano le corde vocali.

Il sintomo caratteristico che fa pensare a una laringite è l’abbassamento della voce fino alla sua perdita, accompagnato spesso da tosse secca e stizzosa.

L’abbassamento della voce è dovuto all’irritazione delle corde vocali.

Tracheite

La tracheite è un’infiammazione del tratto finale della gola, in prossimità dei bronchi.

I sintomi sono simili a quelli della faringite, ma in aggiunta è presente una tosse catarrosa, dolore al torace e retrosternale, accompagnati anche da respiro corto.

La febbre è rara ma se non curata può favorire la bronchite.

Le cause del mal di gola nei bambini

Che si tratti di faringite, tonsillite, laringite o tracheite, il periodo dove aumenta l’incidenza del mal di gola nei bambini è la stagione fredda, ma non solo.

Il mal di gola può arrivare anche d’estate.

L’infiammazione della gola, infatti, è la conseguenza di:
Ad eccezione delle infezioni batteriche che richiedono il trattamento con l’antibiotico, in tutti gli altri casi, il mal di gola passa spontaneamente in massimo 4-5 giorni e non ha bisogno di particolari trattamenti.

  • Infezioni virali (Adenovirus e Rhinovirus) come raffreddore, influenza e le tipiche problematiche dei mesi invernali, associate anche a naso che cola o congestionato (rinofaringite) oppure otite. In particolare, la faringe come crocevia tra gola, naso e orecchie, rappresenta anche un potenziale “punto di raccolta” di eventuali virus provenienti dai tratti respiratori attigui;
  • Infezioni o sovra-infezioni batteriche che in generale sono dovute a Streptococchi, Stafilococchi e Pneumococchi. La scarlattina, ad esempio, è una delle infezioni batteriche associate a mal di gola nei bambini e a un tipico rash cutaneo. In presenza di mal di gola, rash cutaneo o uno dei due, il Pediatra esegue un tampone alla gola per escludere l’infezione batterica. Se positivo infatti prescriverà subito il trattamento con antibiotico;
  • Esposizione ad ambienti troppo secchi sia d’inverno, il freddo secca l’aria, che d’estate, il condizionamento in casa toglie l’umidità. La mancanza di umidità favorisce la secchezza delle mucose e la loro infiammazione;
  • Esposizione a sbalzi termici, ovvero il passare dal troppo freddo al troppo caldo, sia d’inverno che d’estate, favorisce le infiammazioni della gola. Ad esempio si possono alterare i movimenti delle ciglia, ovvero gli spazzini della mucosa delle vie aeree, favorendo stasi di muco, impurità e microrganismi che attivano il processo infiammatorio;
  • Esposizione ad agenti irritanti, fumo e inquinanti;
  • Ingestione di un corpo estraneo che “graffia” la mucosa faringea;
  • Sforzi eccessivi della gola;
  • Respirare solo con la bocca priva dei meccanismi di filtraggio e di regolazione della temperatura dell’aria presenti nel naso.

Il dolore, però, può essere molto fastidioso e intenso: il bambino tende a lamentarsi, a mangiare poco e a indebolirsi.

Desidera bere acqua o liquidi freddi, tanto che può arrivare a chiedere un gelato o un ghiacciolo con la neve fuori dalla finestra per poter godere della sensazione di sedazione del dolore derivante dal freddo.

Pian piano, però, tutto passa e in men che non si dica ritorneranno urla e canti di gioia in casa.

Magari, è meglio che il piccolo non sforzi troppo la voce subito: una buona scusa per altri 2 o 3 giorni di quiete in casa fanno bene a lui e alle tue orecchie.

Come prevenire la gola che brucia nei bambini

Questi sono i 7 consigli che puoi adottare fin da subito per ridurre le possibilità che il tuo bambino contragga un fastidioso mal di gola:
Questi sono alcuni consigli per tenere il mal di gola il più possibile lontano.

  1. Tenere il naso pulito e libero: la detersione nasale con soluzione salina isotonica o ipertonica è utile per prevenire o eliminare l’eccesso di muco che, quando infetto, può scendere in gola e favorire l’infiammazione;
  2. Mantenere l’ambiente adeguatamente umidificato sia d’inverno che d’estate;
  3. Proteggere la gola del piccolo: d’inverno, all’aperto, una sciarpa che protegge la bocca evita l’inspirazione di aria troppo fredda. D’estate, invece, evita gli sbalzi eccessivi tra il caldo esterno e gli interni condizionati. Mantieni la temperatura di casa leggermente inferiore: basta un ambiente fresco per sopportare l’afa estiva. Se vai al supermercato o in altri luoghi dove sai che l’escursione termica è elevata, premurati di portare con te un indumento per il piccolo. Vestirlo a strati è sempre una buona abitudine, sia d’estate che d’inverno;
  4. Evitare il contatto con persone infette: le infezioni associate al mal di gola sono causate dal contatto con bambini o adulti infetti attraverso le mani o per via aerea. Quindi, lavarsi sempre le mani è una sana abitudine da insegnare a tuo figlio per ridurre il rischio di contagio, soprattutto quando non è possibile tenerlo a casa dall’asilo o da scuola;
  5. I bambini devono assolutamente evitare ambienti dove si fuma e qualsiasi tipo di contatto con il fumo;
  6. Insegnagli a non sforzare la gola e la voce, per quanto sia possibile;
  7. Completare la cura con l’antibiotico: anche se il mal di gola si risolve, il trattamento va completato. Questa è una regola essenziale che vale sempre quando si assumono antibiotici, per garantire la guarigione completa e per prevenire anche forme di resistenza a questa classe di farmaci.

In ogni caso, ricorda che il mal di gola è doloroso e fastidioso, nei bambini più che mai, ma pur sempre una palestra per rafforzare le loro difese immunitarie.

Consulta il Pediatra e aiuta il tuo piccolo a gestirlo, magari coccolandolo e distraendolo con un gioco. In casi eccezionali, il gelato è sempre un buon alleato!

Nasino chiuso?

Ti aiutiamo noi! Per te la guida gratuita per affrontare e prevenire le affezioni nasali.

Scarica ora

Nasino chiuso?

Ti aiutiamo noi! Per te la guida gratuita per affrontare e prevenire le affezioni nasali.

Questo articolo non ha in alcun modo lo scopo di sostituire il consulto medico.
Si consiglia sempre la visita pediatrica per capire le origini della malattia/infiammazione per le specifiche cure.

Unisciti alla nostra community sui social

Benessere del Nasino

La salute del naso viene spesso sottovalutata. Eppure, specialmente per i più piccoli, è fondamentale per prevenire e curare eventuali problematiche alle vie respiratorie, come il naso chiuso, la rinite allergica o il raffreddore.E, di conseguenza, l’inappetenza e i disturbi del sonno.

Esplora la sezione e cerca l’argomento più adatto alle tue esigenze.
Trovi tantissimi consigli utili, scritti dai nostri esperti: lavaggi nasali, aerosol, aspiratori, spray nasali e soluzioni fisiologiche non avranno più segreti per te. Così come il respiro del tuo bambino.

Dedicato a te
Benessere del nasino
Come fare un corretto lavaggio nasale al neonato

Leggi tutto

Benessere del nasino
Cura del raffreddore: come farlo passare velocemente

Leggi tutto

Benessere del nasino
Dolore al naso: cause e rimedi

Leggi tutto

Benessere del nasino
Virus sinciziale: cos’è e come si cura

Leggi tutto

Benessere del nasino
Bronchiolite: cos’è e come riconoscerla

Leggi tutto

Benessere del nasino
Guida alle infezioni delle vie respiratorie nei bambini

Leggi tutto

Hai bisogno di un consiglio?
Cerca tra le nostre risposte!

Libenar mette a disposizione un aiuto a tutti i genitori. Consulte le domande più frequentie scopri come aiutare il tuo bimbo a respirare meglio.

Scopri di più
Collegamento copiato, adesso puoi condividerlo nelle tue chat.