Benessere del nasino

Come affrontare i malanni di stagione: conoscerli per prevenirli

Raffreddore, mal di gola, laringite, bronchite, febbre e infezioni intestinali: ecco i 6 malanni di stagione più frequenti che ogni mamma dovrebbe conoscere per prevenirli e garantire il massimo del benessere al proprio piccolo.

DEDICATO A:
  • Bambini
  • Naso Chiuso
Share:
05 Dicembre 2019 • 8 minuti di lettura

Guida pratica sui malanni di stagione

L’arrivo della stagione fredda accende in ogni mamma l’allerta per i malanni di stagione. Ogni mamma, se potesse, metterebbe il proprio piccolo sotto una campana di vetro e tu, probabilmente, fai parte del club!

Non sopporti l’idea di vederlo steso sul divano, senza forze con un panno bagnato sulla fronte e una montagna di fazzolettini di carta. E la paura di non capire se tuo figlio stia male e di cosa soffra ti fa rabbrividire.

Ecco perché abbiamo pensato a questa guida sui malanni di stagione: quali sono e, per quanto possibile, come prevenirli. Si tratta di una raccolta di informazioni e consigli pensati per le mamme che non vogliono farsi trovare impreparate all’arrivo dell’inverno.

Click to Tweet
La guida per conoscere e prevenire i malanni di stagione.

Arrivano ogni anno senza chiedere il permesso: i malanni di stagione

I malanni di stagione arrivano senza chiedere permesso e colpiscono più bambini possibile nel raggio di uno starnuto o di un semplice abbraccio. Succede ogni anno.

Basta uno sbalzo di temperatura o un virus nell’aria ed è fatta: molti bambini nel quartiere o nel paese in cui vivi iniziano a starnutire, a mangiare ghiaccioli per sedare la gola infiammata e a consumare tonnellate di fazzolettini di carta.

Per non parlare poi del mal di pancia e di tutto quello che si porta dietro: quando si tratta di virus intestinale tutta la famiglia è ad alto rischio.

Quando si parla di malanni di stagione ci si riferisce, infatti, a sindromi para-influenzali a carico del sistema respiratorio e intestinale più o meno intense:

  1. Raffreddore, il classico che non manca mai;
  2. Mal di gola che infiamma;
  3. Laringite che non fa parlare;
  4. Bronchite che irrompe con la tosse;
  5. Forme para-influenzali con febbre;
  6. Infezioni intestinali.

Questo elenco è una selezione dei più frequenti e diffusi, quelli che prendono in contropiede anche la mamma più attenta.

A settembre o a marzo, con il cambio di stagione, così come all’arrivo del primo soffio di venticello gelido, il rischio è che ogni bambino diventi vittima di almeno uno di questi malanni di stagione.

Ogni anno le statistiche di incidenza confermano il ripetersi di questo temuto ciclo epidemico causato proprio da virus del raffreddore e para-influenzali, che si diffondono per contatto o grazie agli starnuti.

I bambini sono a maggior rischio se frequentano comunità affollate di coetanei, dall’asilo alla scuola. Ecco perché tutti i nostri piccoli eroi devono affrontare la loro battaglia con questi malanni.

Rimangono immuni solo i più forti e i bambini più grandicelli! Questi virus, infatti, trovano terreno fertile nei bambini con difese immunitarie più immature, specialmente quelli in età prescolare.

Identikit dei malanni di stagione più frequenti: cause e sintomi

Dal raffreddore alle bronchiti per arrivare alle infezioni intestinali, i malanni di stagione si presentano in varie forme ma tutti hanno in comune le cause che li scatenano: i virus.

Questi virus si diffondono facilmente per contatto, tramite goccioline o con lo scambio di un gioco infetto, e - a seconda del tipo - si manifestano in vari modi.

In linea generale, i sintomi si presentano dopo 2 o 3 giorni dallinfezione e si risolvono da soli nel giro di 3-4 giorni fino a una 1 settimana o poco più, a seconda del problema.

Vediamoli insieme.

#1 Raffreddore

È il più comune malanno in ogni stagione e la causa principale sono i Rhinovirus, una grande famiglia di agenti infettivi che colpisce le prime vie respiratorie, soprattutto quelle dei più piccoli.

Se ne impossessano con un’opera di colonizzazione delle fosse nasali e dopo poco arrivano velocemente i sintomi che conosci bene:

  • Congestione nasale con naso chiuso o che cola;
  • Prurito e arrossamento a livello del naso e muco in eccesso;
  • Starnuti frequenti;
  • Difficoltà a respirare con il naso;
  • Sensazione di spossatezza e scarso appetito;
  • Sensazione di freddo;
  • Possono arrivare dopo un po’ mal di gola, tosse e febbre.

#2 Mal di gola

In linea generale, quando si tratta di malanni di stagione, il mal di gola (o faringite) è causato dai virus del raffreddore.

Il virus arriva alla gola anche attraverso il muco che cola dal naso che irrita e indebolisce la zona della faringe.

La faringite può anche essere di origine batterica, in particolare da Streptococcus, e, se particolarmente forte, può colpire le tonsille.

In linea di massima, se è di origine virale si guarisce in 5-7 giorni. In ogni caso, si consiglia di consultare il Medico subito, per escludere infezioni batteriche.

Il mal di gola si manifesta con una rosa di sintomi tipici:

  • Pizzicore, prurito e dolore in gola che peggiora con la deglutizione;
  • Gola arrossata e infiammata;
  • Difficoltà a deglutire e gonfiore in gola;
  • Sensazione di gola ingrossata;
  • Sensazione di gola secca con desiderio di bere acqua;
  • Voce rauca;
  • Può comparire febbre alta nei bambini;
  • Tonsille e linfonodi possono ingrossarsi e infiammarsi.

#3 Laringite

La laringite è un’infiammazione acuta e improvvisa della laringe, la zona che segue la faringe e che permette di parlare e respirare.

La laringite è, generalmente, causata da virus para-influenzali e colpisce spesso i bambini dai 3 mesi ai 6 anni, con una sintomatologia tipica.

Nei bambini bisogna tenere sotto controllo la difficoltà di respirazione, oltre ai sintomi caratteristici.

  • Raucedine con alterazione della voce o addirittura assenza di voce;
  • Difficoltà a deglutire;
  • Difficoltà a respirare;
  • Fame d’aria;
  • Mal di gola;
  • Raffreddore e naso che cola;
  • Febbre;
  • Fischio stridulo al passaggio dell’aria attraverso la laringe infiammata;
  • Tosse secca, metallica e stridula, a volte abbaiante;
  • Inappetenza e stanchezza

#4 Bronchite

Le bronchiti sono un’infiammazione dei bronchi conseguente, ad esempio, a un raffreddore.

I bronchi infiammati tendono a produrre muco, attivando il sintomo riflesso della tosse che serve a liberare dal muco l’albero respiratorio.

Infatti, se non evolve in un’infiammazione batterica, si utilizzano rimedi per controllare la tosse e favorire l’eliminazione del catarro.

I sintomi principali sono:

  • Tosse persistente, prima secca e poi grassa;
  • Espulsione di muco o catarro;
  • Difficoltà a respirare;
  • Respiro a volte sibilante con fiato corto;
  • Febbre con brividi di freddo.

#5 Forme para-influenzali con febbre

Le forme para-influenzali a carico delle prime vie respiratorie sono causate da virus, tra cui quello del raffreddore, e sono caratterizzate da una rosa di sintomi simil influenzali tipici.

Sintomi distintivi rispetto agli altri malanni:

  • Brividi di freddo;
  • Febbre.

A cui si aggiungono: raffreddore, mal di gola, tosse, bronchite, bronchiolite, polmonite e altri sintomi dei più comuni malanni di stagione.

#6 Infezioni intestinali

Tra i malanni di stagione sono comuni le infezioni virali a carico del sistema gastrointestinale. Sono caratterizzati da un esordio veloce e si risolvono, generalmente, in 3-5 giorni.

Durante la fase acuta, il bambino è inappetente ma è importante mantenerlo idratato per non rischiare proprio la disidratazione, la complicanza più rischiosa in tali casi.

La cosa essenziale è fare bere il piccolino poco e spesso, magari anche bevande zuccherate, per favorire l’idratazione.

I sintomi tipici sono:

  • Vomito;
  • Nausea;
  • Diarrea;
  • Dolori addominali;
  • Febbre.

Come prevenire i malanni di stagione

Abbiamo approfondito alcuni tra i più frequenti malanni di stagione che possono colpire i più piccoli da settembre a novembre, con l’arrivo dei primi freddi, e da marzo ad aprile con la primavera.

Si tratta, principalmente, di infezioni virali che si manifestano nell’arco di 2 o 3 giorni dal contagio e si risolvono da sole in media entro 1 settimana.

Essendo infezioni virali non c’è bisogno della terapia antibiotica, salvo nei casi in cui evolvono in infezioni batteriche.

Il Pediatra, in linea generale, prescriverà rimedi sintomatici, ad esempio antinfiammatori locali per il mal di gola, sciroppi per la tosse, antipiretici in caso di febbre alta e quello di cui il piccolo ha bisogno in base anche all’irruenza dei sintomi stessi.

Ma come è possibile prevenire i malanni di stagione? Bisogna seguire alcuni consigli che, in generale, valgono per la maggior parte delle infezioni virali.

1. Lavarsi spesso le mani…

… E tenere il più possibile puliti i giochi dei piccolini.

Il contatto con le mani e il passaggio di giocattoli “infetti” favorisce il contatto, quindi insegnare ai bambini a lavarsi spesso le mani e tenere puliti i loro giocattoli aiuterebbe a ridurre il contagio.

Naturalmente, a casa puoi gestire meglio il piccolo sia per il lavaggio delle mani sia nella pulizia dei suoi giocattoli.

2. Evitare i posti affollati

Se tuo figlio è ancora molto piccolo o, addirittura, ha solo pochi giorni, evitare i centri commerciali o i luoghi chiusi e affollati è utile per ridurre il rischio che si ammali.

Se ci sono fratellini più grandi, il lavaggio delle loro mani e dei loro giochi è importante per limitare un potenziale contagio.

3. Mantenere il naso pulito

La detersione nasale con acqua fisiologica (o salina isotonica) è un utile abitudine per ridurre il rischio di contagio, anche per i neonati.

In particolare, favorisce l’eliminazione di muco, croste, pulviscolo e riduce anche la potenziale carica di microrganismi.

In presenza di muco in eccesso, causato da un raffreddore, il lavaggio nasale diminuisce il rischio che linfezione scenda dal naso in gola, nella laringe e nelle vie respiratorie più profonde.

In tali casi, se c’è congestione e il muco è particolarmente denso e di un colorito che vira dal giallognolo al verdognolo, può essere indicata la soluzione salina ipertonica per la detersione nasale.

4. La prevenzione a tavola vale sempre

Un’alimentazione sana e varia, ricca di frutta, verdure e fibre aiuta a limitare il rischio dei malanni di stagione. E in caso di infezioni intestinali, ad esempio, può rendere il decorso più gestibile e meno “esplosivo”.

Questi consigli aiutano a limitare il rischio di contagio, ma non a eliminarlo. In ogni caso, se arriva il malanno possono aiutare a renderlo meno aggressivo, anche solo con la detersione nasale.

E cerca di non disperare! Ricorda che i malanni di stagione hanno anche un aspetto positivo: rappresentano una palestra per il sistema immunitario dei nostri bambini. Salvo rare eccezioni, per tutti i nostri piccoli eroi tali malanni sono gestibili e passano da soli in pochi giorni, lasciandoli con un sistema immunitario sempre più forte.

Vedrai che nel tempo il tuo piccolo si rinforzerà e già dalle scuole primarie sarà un bambino sempre più sano, nonostante i malanni di stagione nell’aria!

Benessere del Nasino

La salute del naso viene spesso sottovalutata. Eppure, specialmente per i più piccoli, è fondamentale per prevenire e curare eventuali problematiche alle vie respiratorie, come il naso chiuso, la rinite allergica o il raffreddore.E, di conseguenza, l’inappetenza e i disturbi del sonno.

Esplora la sezione e cerca l’argomento più adatto alle tue esigenze.
Trovi tantissimi consigli utili, scritti dai nostri esperti: lavaggi nasali, aerosol, aspiratori, spray nasali e soluzioni fisiologiche non avranno più segreti per te. Così come il respiro del tuo bambino.

Dedicato a te
Benessere del nasino
Tracheite nei bambini: cause, sintomi e rimedi

Leggi tutto

Benessere del nasino
Guida al catarro nei bambini: tutto quello che devi...

Leggi tutto

Benessere del nasino
I benefici dei lavaggi nasali per la rimozione di...

Leggi tutto

Benessere del nasino
Scopri quanto bene può fare il mare ai tuoi...

Leggi tutto

Benessere del nasino
Come vincere la battaglia della laringite nei bambini

Leggi tutto

Benessere del nasino
A cosa serve la soluzione fisiologica?

Leggi tutto

Hai bisogno di un consiglio?
Cerca tra le nostre risposte!

Libenar mette a disposizione un aiuto a tutte le mamme. Consulte le domande più frequentie scopri come aiutare il tuo bimbo a respirare meglio.

Scopri di più
Collegamento copiato, adesso puoi condividerlo nelle tue chat.
Libenar

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente, per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge

Hai bisogno di un consiglio?
Parti dall'esigenza che devi affrontare e trova la risposta adatta alla tua situazione!
Scegli un prodotto giusto
Torna indietro
Qual è il tuo problema?
Naso Chiuso
Torna indietro
Chi ha bisogno di Libenar?
Naso Chiuso - Neonato
Torna indietro
Naso Chiuso - Bambino
Torna indietro
Prevenzione
Torna indietro
Chi ha bisogno di Libenar?
Prevenzione - Neonato
Torna indietro
Prevenzione - Bambino
Torna indietro
Aerosol Terapia
Torna indietro
Chi ha bisogno di Libenar?
Aerosol - Neonato
Torna indietro
Aerosol - Bambino
Torna indietro
Utilizzo Dei Prodotti
Torna indietro
Quale prodotto stai utilizzando?
Fiale Isotoniche
Torna indietro
Libenar Flaconcini
Fiale Ipertoniche
Torna indietro
Libenar Iper Flaconcini
Libenar Spray Igiene
Torna indietro
Libenar Acqua di Mare Spray Igiene Nasale
Libenar Spray Decongestionante
Torna indietro
Libenar Acqua di Mare Spray Decongestionante
Fiale aerosol 3%
Torna indietro
Libenar Aerosol 3%
Aspiratore Nasale Soft
Torna indietro
Libenar Aspiratore Nasale Soft
Filtri protettivi
Torna indietro
Filtri Protettivi Monouso
I Nostri Consigli Per liberare Il Naso Chiuso
Torna indietro
Neonato
Torna indietro
Qual è il tuo problema?
Neonato - Raffreddore
Torna indietro
Neonato - Sinusite
Torna indietro
Neonato - Rinite
Torna indietro
Neonato - Prevenzione
Torna indietro
Bambino
Torna indietro
Qual è il tuo problema?
Bambino - Raffreddore
Torna indietro
Bambino - Sinusite
Torna indietro
Bambino - Rinite
Torna indietro
Bambino - Prevenzione
Torna indietro